Dimagrire in modo salutare

person Pubblicato da: Dr. Domenico Martini list In: Integratori

Dimagrire in alcuni casi è importante, ma bisogna farlo in modo naturale per evitare stress e complicazioni. Scopriamo insieme l'importanza delle fibre.

Basi scientifiche legami tra carenza di fibre e malattie croniche

Malattie strettamente associate ad una dieta povera di fibre:

  • Malattie cardiovascolari: cardiopatia, ipertensione, infarto, vene varicose, trombosi venosa profonda, embolia polmonare;
  • Malattie intestinali: stipsi, appendice, diverticolite, diverticolosi, emorroidi, cancro al colon, colon irritabile, colite ulcerosa, morbo di Crohn
  • Malattie metaboliche: obesità, diabete, calcoli renali, calcoli biliari
  • Altre malattie: Carie dentale, malattie autoimmunitarie; anemia perniciosa, sclerosi multipla, tireotossicosi, malattie della pelle

Western Diseases: their Emergence and Prevention  Denis Burkitt Hugt Trowell (1981) → LEGGI
National Research Concil’s Food and Nutrition Board (1984) → LEGGI

Effetti benefici delle fibre

  • Riduzione del tempo di transito intestinale nei soggetti sani (riduzione esposizione ai composti cancerogeni che attraversano l’intestino);
  • Nei soggetti con tempo di transito anormalmente rapidi le fibre normalizzano i movimenti dell’intestino;
  • Rallentamento dello svuotamento gastrico, con minore aumento della glicemia dopo i pasti; (aumentano la velocità nel tratto gastrointestinale ma contemporaneamente rallentano lo svuotamento gastrico con immissione più graduale del cibo nell’intestino tenue con glicemia più regolare e secrezione e attività enzimi pancreatici aumentata.
  • Aumento sazietà
  • Aumento delle secrezioni pancreatiche
  • Aumento del peso delle feci
  • Stimolazione della microflora intestinale
  • Catturano pericolose sostanze chimiche che transitano nell’intestino
  • Non interagiscono con l’assorbimento di ferro
  • Azione aggregata di tutti i tipi di fibre
  • 10 grammi in più al giorno riduce del 33 % rischio cancro al colon (Jansen, M.C.J.F. 1999 )
  • Aumento dela produzione di acidi grassi a catena corta (attività anticancerogena e attività contro la colite ulcerosa) (Spiller GA Dietary Fiber in Health and Nutrition 1994)  LEGGI
  • Riduzione dei lipidi plasmatici (riduzione colesterolo dall’8 al 23 %) (Glore SR J Am Diet assoc 1994; Ripsin CM JAMA 1992)
  • Maggiore solubilità della bile
  • Migliora la Flora batterica intestinale:
    -dieta povera i fibre è associata allo sviluppo eccessivo dei batteri che producono endotossine;
    -minore presenza di Lactobacillus e altri batteri acidofili;
    -la sintesi degli acidi grassi a catena corta riducono il pH del colon;

Effetti specifici dei fitocomplessi
Le migliori fonti di fibre ad azione non lassativa sono lo psillio e la gomma guar
Gomma guar e semi di psillio sono le più potenti sostanze naturali in grado di:

  • abbassare il colesterolo;
  • ridurre i livelli di glucosio e insulina a digiuno e dopo i pasti sia in soggetti sani sia in diabetici
  • favorire il dimagrimento e ridurre il senso di fame
  • grazie alle Mucillagini (drocolloidi presenti solo nel seme della pianta) legare steroidi e rallentare lo svuotamento gastrico; chelazione dei metalli pesanti

FOS: sono polisaccaridi a catena breve che non vengono digeriti che favoriscono la crescita di bifilobatteri e lactobacilli inibendo contemporaneamente le colonie dei batteri patogeni

FOS fructooligosaccaridi

  • FOS: polisaccaridi a catena breve che non vengono digeriti e favoriscono la crescita di bifilobatteri e lactobacilli inibendo contemporaneamente le colonie dei batteri patogeni
  • Aumentano la produzione di acidi grassi benefici a catena corta
  • Miglioramento funzione epatica
  • Abbassamento del colesterolo
  • Abbassamento della pressione sanguinia
  • Migliore eliminazione delle sostanze tossiche

Tomomatsu H  Food Technol 1994 LEGGI
Gibson GR gastroentorology 1995 LEGGI

Proprietà immunomodulanti : sono legate e svolte dagli acemmannani che esercitano tali effetti protettivi nell'organismo. La concentrazione più elevata di queste molecole tra tutti i vegetali è stata individuata propio  nell'Aloe sia vera che arborescens.
Proprietà antibatteriche antimicotiche, antivirali e antibiotica  sono conferite all'Aloe dalla presenza di glucosidi a struttura antrachinonica, come l'acido Aloetico e le aloine, con il contributo del polisaccaride acemannano e dell'enzima bradichinasi, particolarmente rappresentato nell'Aloe arborescens. L'azione coordinata e sinergica di questi fattori coinvolge anche il sistema immunitario con attivazione di macrofagi e produzione di interleuchine.

Proprietà antinfiammatoria e antidolorifica: I componenti attivi antinfiammatori dell'Aloe si possono identificare in tre molecole steroide vegetali: il composterolo, il sistosterolo ed il luteolo, che agiscono producendo inibizione dell'azione degli effetti delle prostaglandine. Proprietà cicatrizzante e stimolante la crescita epiteliale: L'Aloe partecipa al processo di cicatrizzazione di ferite attraverso due componenti: quella ad alto peso molecolare degli acemannani e quella a basso peso molecolare degli antrachinoni degli steroli vegetali dei triterpeni e delle saponine

Proprietà Antiossidanti: Le molecole antiossidanti presenti nell'Aloe sono numerose e comprendono gli elementi minerali manganese e rame le vitamine B2 ,C, ed E, e molecole antrachinoniche e fenoliche


Ho formulato una fibra naturale e completa
che puoi acquistare a questo link


a cura del dr. Domenico Martini → leggi il curriculum professionale

Della stessa categoria

Domenica Lunedi Martedì Mercoledì Giovedi Venerdì Sabato Gennaio Febbraio Marzo Aprile Può Giugno luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre